lunedì 9 dicembre 2013

EF! Pisa

Qualcuno a Pisa/Toscana sta cercando di mettere su un gruppo EF!. Se sei interessato, manda una mail a: earthfirstpisa@autistici.org

mercoledì 13 novembre 2013

EF! Roma

Qualcuno sta cercando di ri-mettere su un gruppo EF! a Roma. Se sei interessato scrivi a: earthfirstitalia@autistici.org

lunedì 11 giugno 2012

martedì 5 giugno 2012

Ciao Carla.

Se ne è andata questa sera Carla Verbano. Ci ha lasciato dopo aver lottato a lungo e con tenacia contro un male che da anni la tormentava. Per noi Carla non è stata solo la madre di un compagno assassinato, Valerio, l'esempio di una donna e di una madre che fino all'ultimo ha lottato per avere verità e giustizia sull'omicidio del figlio, ma anche un amica e una figura importante per le nostre vite e per le nostre battaglie. Una compagna e una amica che abbiamo avuto vicino nei momenti difficili così come in quelli più felici.

I compagni e le compagne

lunedì 14 maggio 2012

Liberiamo Paul Watson!


Paul Watson, fondatore di "Sea Sheperd", è stato arrestato in Germania a causa della presunta "violazione del traffico marittimo" nel 2002 in Guatemala. In quei giorni Paul e l'equipaggio di Sea Sheperd era impegnato nelle riprese della caccia illegale agli squali ad opera della barca costarichense "Varadero". Il governo guatemalteco in quell'occasione arrivò a minacciare con i cannoni Sea Sheperd che fu costretta a ritirarsi nelle acque del Costa Rica.

Attualmente Paul è in una prigione tedesca, assistito dai due parlamentari Cohn Benedit e Jose Bovè.

CHIEDIAMO LA SUA IMMEDIATA LIBERAZIONE. ABBIAMO BISOGNO DI PAUL E DI TUTTI I COMPAGNI DI SEA SHEPERD CHE DA SEMPRE FANNO QUELLO CHE GOVERNI E ASSOCIAZIONI NON RIESCONO, E SPESSO NON VOGLIONO, FARE: DIFENDERE IL MARE. Hoka Hey Paul!

[articolo di Repubblica: http://www.repubblica.it/ambiente/2012/05/14/news/il_fondatore_del_gruppo_sea_sheperd_in_manette-35129164/ ]

mercoledì 21 marzo 2012

EF! Roma Kayak Team


Da Aprile riprendono le uscite del gruppo Kayak di Roma. Avremo la gioia di scendere sui fiumi più belli del centro Italia con un contributo ridotto da parte di ciascuno. Un'occasione per stimolare gli sport in contesto naturale, imparare l'utilizzo del kayak nei contesti più diversi ed entrare in contatto con la potenza e la grazia del fiume.

Le uscite si svolgeranno di domenica con partenza verso le ore 9.00 e ritorno per le 19.00. Chiunque fosse interessato può conttare: efroma@autistici.org

sabato 10 marzo 2012

Richiesta aiuto tecnico al blog!

Carissimi,
Come avrete notato il blog da qualche tempo a questa parte è vittima di un errore informatico. Ogni "click" nella parte superiore del blog produce il reindirezzamento ad un presunto sito "index-com.info". Se qualcuno avesse la soluzione per rimuovere il problema ci aiuti contattadoci a: earhtifirsitalia@autistici.org

martedì 28 febbraio 2012

La Tav costruita sui nostri corpi...

Massimo Zucchetti*

Questa notte è avvenuto un blitz militare per l'allargamento del cantiere TAV in Valle Clarea, pressi di Giaglione, Valle di Susa.
C'era un gran numero di forze dell'ordine e militari, ruspe, mezzi militari, saliti anche mentre sabato 75000 persone manifestavano pacificamente contro quest'opera assurda, inutile, dannosa, costosa. Invano.
La cieca convinzione di portare avanti un allargamento del non-cantiere illegittimo ha visto l'opposizione nonviolenta dei pochi ragazzi che erano presenti sul posto. La grande mobilitazione del movimento NOTAV sarebbe infatti dovuta avvenire questa sera, questa notte, con una fiaccolata notturna ed una permanenza sul posto ad oltranza. Gli anziani della valle erano disposti ad incatenarsi agli alberi, ad oltranza. Avendolo probabilmente saputo, gli invasori hanno deciso di provare a forzare i tempi.

Luca Abbà, 37 anni, agricoltore della Valsusa, molto conosciuto in Valle per la sua fiera ma nonviolenta opposione alla TAV, si è arrampicato su un traliccio per provare ad opporsi alla cieca determinazione degli invasori. Sentivamo la diretta della sua voce alla Radio (Radio Black-Out). Diceva, rivolto a quelli di sotto: "se non la piantate, io da quassù non me ne vado, avete capito?". Poi, rivolto agli ascoltatori: "Ciao, vi saluto, UN POLIZIOTTO-ROCCIATORE mi sta incalzando da sotto". Gli invasori lo hanno incalzato da sotto, spingendolo a salire più in alto. E' rimasto folgorato dall'alta tensione. Sotto il traliccio non era stata posta alcuna protezione prima di incalzarlo. Avevano molta fretta, si vede. Luca è caduto a terra con un volo di molti metri. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime. I soccorsi, ritardati dai blocchi delle forze dell'ordine, hanno molto tardato ad arrivare. Alla fine è stato soccorso, intubato e trasportato all'ospedale CTO di Torino.

Nemmeno dopo la caduta e le gravissime condizioni in cui versava Luca, c'è stato uno stop dei lavori. Questo appare incredibile, in spregio ad ogni norma di sicurezza e di prudenza, oltre che di rispetto.
Ripetiamo: Luca è caduto dopo essersi arrampicato su un traliccio per resistere allo sgombero dei terreni ANCHE SUOI, ed è caduto perché incalzato dai militari che lo hanno inseguito sul traliccio stesso, costringendolo a salire più in alto.

Luca è grave e la responsabilità della sua salute sono da attribuire esclusivamente a chi ha ordinato ed eseguito il blitz, mettendo, come poi è stato, a repentaglio la vita delle persone. Luca Abbà è grave ed è all'ospedale a Torino. E' stato colpito da elettricità a media tensione, muove le gambe, è cosciente e orientato, ha una sospetta lesione interna con versamento, vasta emorragia interna, probabili fratture sterno e costole, ustioni di secondo grado. E' stato posto in coma farmacologico e le notizie contradditorie di queste ore lo danno comunque in prognosi riservata ma non in pericolo di vita: è cosciente e risponde ai medici.

Luca Abbà è un agricoltore che vive a Cels, dove da diversi anni ha deciso di ritornare a coltivare la terra. Abbà, ha iniziato da tempo a condurre la sua battaglia contro l'alta velocità, diventando in breve tempo il leader del Comitato No Tav Alta Valle. I famigliari, gli amici, i conoscenti ma soprattutto tutti quei colleghi che nel corso degli ultimi anni, insieme a lui, avevano dato inizio a questa battaglia per tutelare il proprio territorio dall'arrivo dell'alta velocità sono stati sconvolti dalla notizia e accorsi in ospedale, dove solamente nelle prossime ore si potranno conoscere ulteriori elementi.

Nel frattempo, nella Baita in Val Clarea a ridosso del non-cantiere in fase di allargamento, quindici ragazzi resistenti si sono chiusi dentro per impedirne l'abbattimento con le ruspe. Si temono azioni estreme che possano metterli in pericolo.
Tutta l'Italia civile si sta mobilitando in solidarietà a Luca ed ai resistenti NOTAV.
Questo blitz militare è l'esempio di come s'intende la democrazia da parte dei propugnatori del TAV: senza alcuna copertura legale, militarmente, disprezzando anche la vita umana.
La TAV dovrebbe quindi essere costruita passando sui nostri corpi. Violentando non solo la natura della Val Susa, oltre che ogni normale regola di buon senso, ma anche i nostri stessi corpi: passando sui corpi dei valsusini, sui corpi di tutti coloro che opponendosi a quest'operazione militare - che ormai nulla ha più a che vedere con un cantiere - verranno calpestati non solo nei diritti ma anche di fatto, nel fisico e nell'incolumità.
Saremo noi, che ci opporremo fino all'estremo, che quindi dovremo costituire i piloni e il pavimento del buco TAV nella montagna.

*professore del Politecnico di Torino.
(tratto da Padpad, 27 febbraio 2012)

sabato 28 gennaio 2012

C'erano una volta un barbiere, un consigliere comunale e un black bloc


Questa mattina all'alba, 26 Gennaio, un'imponente operazione poliziesca e mediatica contro il movimento No Tav ha portato all'arresto di 25 attivisti, ed a misure restrittive nei confronti di altri 14.
Il copione seguito è stato studiato a tavolino (6 mesi di gestazione); prevede un mix eterogeneo di arresti che coinvolgono attivisti di provenienti da tutta Italia ed appartenenti a diverse aree di movimento, che accorsero il 3 Luglio scorso in solidarietà con le popolazioni in lotta. Colpiti dalla repressione anche 3 Valsusini fra i più attivi nel movimento No Tav.
L'obiettivo di Caselli, procuratore capo di Torino, è chiaramente quello di dividere il movimento e delegittimarlo agli occhi dell'opinione pubblica. Del resto, Caselli non e' nuovo a simile operazioni di attacco dei movimenti; paladino della sinistra giustizialista, è tra coloro che portano avanti il primo attacco giudiziario nei confronti del movimento No Tav con l'inchiesta "Lupi Grigi" ) che portò alla morte per "suicidio" di Sole e Baleno, prima di essere smontata in cassazione. Un paio di anni fa invece porta avanti l'inchiesta sugli scontri al "G8 universitario" di Torino, inchiesta che porta ad arresti e perquisizioni in tutta italia. La sua dichiarazione: "non e' un processo ai movimenti, ma agli individui", quindi, non puo' convincerci.

L'estrazione degli arrestati e fermati e' esemplificativa dell'attacco brutale e scellerato che la giustizia di stato sta portando avanti: due cosiddetti "terroristi", un giovane ventenne, due minorrenni, una ragazza incinta al settimo mese, un consigliere comunale (a cui sono state sequestrate le stampelle, sic!), alcuni redattori di Radio Blackout, gli immancabili "anarcoinsurrezionalisti", i centri sociali.
È evidente che questa operazione repressiva punti a creare una divisione tra buoni e cattivi. Da un lato i bravi valligiani pacifisti e pacifici, che esprimono un legittimo dissenso (non resistenza, dissenso) e dall'altro i cattivi black bloc calati dall'esterno, i professionisti della violenza. È un trucchetto che è stato già sperimentato molte altre volte ma che si è dimostrato per quello che è: una menzogna buona per i media. Infatti il movimento No Tav ha sempre rifiutato questa divisione, rivendicando la diversità delle pratiche di lotta messe in campo ed esprimendo solidarietà a tutti gli arrestati e gli inquisiti, sempre e comunque.
L'abbiamo gia' detto: l'unica violenza che vediamo è quella delle cosiddette forze dell'ordine a difesa di un cantiere inesistente, che sperpera denaro pubblico per un'opera dannosa e inutile ignorando i problemi per i quali in Italia si susseguono proteste e scioperi; e che militarizza, reprime, uccide chiunque vi si oppone.

Non possiamo, poi, non notare la vicinanza e le analogie con altre operazioni repressive effettuate recentemente; a brescia, l'antiterrorismo ha perquisito case di studenti medi, colpevoli di aver organizzato un corteo (autorizzato); a roma, ad un compagno sono state puntate le pistole per una folle perquisizione che ha aperto un processo per traffico di armi (sic!). Si tratta naturalmente di un diverso livello di attacco: da una parte una gogna mediatica, dall'altra intimidazioni in sordina.

27/01 Liberate Guido!
http://italy.indymedia.org/

lunedì 17 ottobre 2011

Riunioni EF! Roma


Le riunioni a Roma riprenderanno da martedi 20 settembre 2011 allo spazio sociale occupato EX 51. Maggiori info: efroma@autistici.org